logo Associazione nazionale dirigenti e alte professionalita' della scuola

Si e' svolto a Fiuggi l'ottavo congresso nazionale ANP Alte Professionalita' della Scuola

Di Vittorio Barsotti

Interloquire con i decisori politici Ŕ il primo compito della nostra associazione-sindacato di categoria.
Questo Ŕ stato fatto a Fiuggi, e quando un ministro della Repubblica, quello della P.I., Maria Stella Gelmini ha affermato: "Conosco l'intelligenza e la bravura del Presidente Giorgio Rembado, sottoscrivo la sua relazione nella quale c'Ŕ anche molto cuore.

Foto del congresso

Come possiamo dare valore alla scuola, mettendo al centro il merito? Questa Ŕ la nostra sfida, che deve partire da un'analisi concreta dei problemi per poi lanciare proposte costruttive...." -, allora vuol dire che davvero i Dirigenti Scolastici sono a pieno titolo i primi soggetti di riferimento istituzionale del nostro sistema Scuola per i nostri decisori politici di turno.

Appunto anche l'ex sottosegretario all'istruzione on. Maria Letizia De Torre, anch'essa presente, nel suo intervento ha condiviso la relazione del Presidente ANP ed ha insistito sul potenziamento dell'autonomia delle scuole, sulla necessitÓ di ridurre le disparitÓ fra Nord e Sud del paese per quanto riguarda il sistema di istruzione e sull'avvio di un sistema di valutazione che riconosca il merito.

Sotto il felice slogan: "La scuola vale meritiamola!, il Ministro ha parlato poi degli imminenti regolamenti per l'attuazione della riforma, indicando le relative prioritÓ operative. Rispondendo ad una specifica sollecitazione contenuta nella relazione del presidente Rembado circa il reimpiego dei risparmi all'interno della scuola, il Ministro ha detto di essere favorevole ad un innalzamento della quota da reinvestire dal 30% al 50%.
Il ministro ha inoltre confermato il suo appoggio per la conclusione dell'iter parlamentare del disegno di legge n. 953AC sulle norme per l'autogoverno delle istituzioni scolastiche e la riforma dello stato giuridico dei docenti, che recepisce gran parte delle nostre proposte sulla carriera dei docenti.
A tal proposito Ŕ intervenuta anche la Presidente della VII Commissione della Camera, on. Valentina Aprea, la quale ha richiamato il suo disegno di legge, riconoscendo all'Anp il ruolo indiretto di felice ispiratrice di buona parte delle idee in esso contenute.
Il Vice-presidente della VII Commissione On. Luigi Nicolais, poi, anch'esso presente, ha insistito sulla necessitÓ di affrontare le riforme che riguardano la scuola attraverso uno spirito di condivisione e di tenere presente l'esigenza di un maggiore collegamento fra scuola, societÓ e mondo del lavoro.

Infine ha portato il proprio saluto il direttore dell'ufficio scuole paritarie della CEI, don Bruno Stenco.
L'VIII░ Congresso ha, quindi, vissuto una tre giorni intensa e qualificante, con ricchi spunti e stimolanti costruttive osservazioni da parte degli oltre 200 congressisti, tra delegati ed osservatori, producendo un importante documento finale che rappresenta bene la linea politico-sindacale di questa importante associazione di categoria.

Lucca, 16 dicembre 2008

Torna all'indice dei documenti
Torna alla prima pagina